martedì 8 luglio 2014

Recensione "L'estate nei tuoi occhi" di Jenny Han

Buongiorno, lettori!!! ^^ Oggi vi parlo di un romanzo che quando è stato pubblicato mi aveva incuriosita molto e che adesso ho finalmente letto! Purtroppo però devo dire che mi aspettavo qualcosa di meglio! :( Vi lascio alla recensione! ;)

Titolo: L'estate nei tuoi occhi (Serie The Summer Trilogy #1)
Autore: Jenny Han
Traduttore: Annalisa Biasci
Pagine: 306
Anno di pubblicazione: 2014
Editore: Piemme
ISBN: 9788856624892
Prezzo di copertina: € 12,90

Trama: Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è successo nella sua vita, è successo fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia e da Susannah che, oltre a essere la migliore amica di sua mamma, è anche la madre di Jeremiah e Conrad. Loro sono gli amici con i quali è cresciuta: uno è il ragazzo su cui contare, l'altro è quello che ti fa battere il cuore. Questa estate però sarà un'estate speciale, perché sta per accadere quello che Belly sogna da sempre, e che sembrava non sarebbe mai accaduto...
 Voto:


Dunque, parto con il dire che quando era uscito il primo volume di questa trilogia ad incuriosirmi è stata la cover, il bianco dello sfondo mi ha incantata, è difficile trovare delle cover praticamente senza tanti colori, per cui per una volta ho apprezzato la semplicità e la freschezza di questa cover. Poi come al solito avendo fra le mani decine di altri romanzi, questo è passato in secondo piano, finché non è capitata la grande occasione di collaborare con la Piemme, alla quale dico ancora grazie per i libri che ci hanno inviato. Sono stati davvero molto generosi, è giusto dirlo.
Adesso che ho letto il primo volume, posso finalmente anch'io dire la mia (perché è un libro in "voga" e in moltissimi l'avete già letto! ;)).

Parto col dire che subito dopo aver letto i primi capitoli ho capito di avere a che fare con un romanzo per lettrici giovanissime: la cosa non mi ha dato fastidio, ma purtroppo devo ammettere che non mi è piaciuto affatto come scrive l'autrice.


Jenny Han a quanto pare è un'autrice alle prime armi, fra l'altro credo sia anche molto giovane, forse addirittura sulla ventina...? Il suo stile, la sua scrittura non mi hanno catturata per nulla. Ho trovato il romanzo piatto, noioso, passivo e monotono, senza un minimo di scintilla, nisba! Parlando dei personaggi ho trovato la protagonista, Belly, essenzialmente infantile, egoista, superficiale e ok, anche stupida! Fra l'altro nel libro si susseguono dei capitoli in base all'età della protagonista: 11, 12, 14 anni... allora: già l'autrice scrive poco bene, poi pretende anche di scrivere una sorta di "biografia romanzata" della protagonista che solo verso la fine del libro ho capito avesse 15 anni!!! Ma cosa vuoi "biografare" a 15 anni?! Cos'avrà mai fatto di importante questa ragazzina?! NULLA, ve lo dico io. Semplicemente passa ogni estate in una casa al mare con la migliore amica della madre e i suoi due figli, sua madre e suo fratello. STOP. Il che mi andrebbe benissimo se non fosse per il fatto che l'autrice rigira la frittata e cerca di far sembrare tutto così "fantastico/importante": anch'io ogni estate torno in Sicilia e ALLORA?!


Comunque, sto divagando. Oltre a Belly (sì, la protagonista ha un nome vagamente familiare a qualcun altro di mia/nostra conoscenza) ... il suo nome vero è Isabel (sob sob), abbiamo suo fratello Steven, un fratello veramente antipatico (e parla una che ne ha ben DUE di fratelli maggiori!!!) e concludendo abbiamo Conrad e Jeremiah (che già i nomi... vabbè). Conrad è il tipico ragazzo bello e impossibile: taciturno, non dà soddisfazione a nessuno, il "duro" di casa. Suo fratello, Jeremiah, invece è il migliore amico di Belly (onestamente non ho visto questo gran rapporto di amicizia, eh...): scherzoso, gentile e sempre cordiale. In questo contesto troviamo anche la madre di Belly e Susannah, la madre dei due ragazzi.

Un'altra cosa che mi ha dato enorme fastidio è che la protagonista avrà anche 15/16 anni all'anagrafe, ma con il cervello è ferma quantomeno a 12 anni. Ha dei comportamenti infantilissimi, vuole stare sempre al centro dell'attenzione, pensa che tutto giri intorno a lei... verso la fine del libro farà una scenata a Conrad che, io, al suo posto, sarei morta di vergogna. Lei invece ci passa sopra perché ovviamente a diritto ad AMARE e via tutte le sue fisime.

Poi si fa completamente influenzare dagli altri, non ha un minimo di spina dorsale! La sua "migliore amica", Taylor, (bella amica!) le dice che (anche se lei ama gli scacchi) far parte del gruppo di scacchi a scuola è da sfigati? Lei obbedisce senza batter ciglio. La sua "amica" le ruba sotto gli occhi non solo il miglior amico, ma anche il fratello? Lei si arrabbia, ma poi passa tutto. Massù, dai, ragazza mia, svegliati!!!


Insomma, capirete che l'autrice e la protagonista sono l'enorme pecca di questo romanzo: pecche abbastanza vistose, direi. 
Il finale però, devo ammettere che mi ha incuriosita, per cui leggerò anche il secondo volume con la speranza che Belly finalmente cresca un po' cerebralmente e che la smetta di fare eternamente la bambina! E soprattutto spero tantissimo, davvero di tutto cuore, che l'autrice scriva un pochino meglio!

In conclusione: lo consiglio a chi ha voglia di leggere un libro senza pretese, leggero, con un minimo accenno di "amore", ma con tante paturnie mentali/ossessioni da parte della protagonista. Si legge comunque molto in fretta, a parte tutto, quindi se vi va provatelo! ;)

Stanno lavorando per farne una serie tv, forse. Se ne parla sul blog di Belly. Vi lascio anche il booktrailer:

Ilaria

10 commenti:

  1. Sto ancora morendo dalle risate, Ila *rotola*
    La mia "storia" è molto simile alla tua: il libro mi aveva incuriosita ma, avendo altri libri davanti, ho sempre scelto gli "altri". Ho però stretto una collaborazione con la Piemme - come voi - e mi hanno detto che mi avrebbero mandato questo libro. Ovviamente sono felice di poter leggere questo libro e vedere cosa ne penserò.
    Spero proprio di pensarla diversamente da te, cara Ila. Le protagoniste scemotte mi danno ai nervi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero davvero per te, Sara!!! Questa protagonista è parecchio fastidiosa e 3 libri non sono robetta... D: Ahahaahahah mi fa piacere averti fatto sorridere/ridere!!! :DDD

      Elimina
  2. Stesso parere.. che delusione! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :( e dire che lo stanno pubblicizzando così tanto... ci sono libri migliori semi sconosciuti!! >.<

      Elimina
  3. e ALLORA?? Ahahahahahah sono morta Ila! XD
    Comunque, il mio istinto mi diceva che non mi sarebbe piaciuto e non mi sbagliavo neanche questa volta ^-^ La Summer Trilogy non mi ispira per nulla e non credo la leggerò, forse è una lettura adatta a ragazzine di 12-13 anni, ma per una vecchietta come me c'e di meglio in giro da leggere, anche di leggero e estivo u-u ciaoooo bella :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaahah xD *rispose una compiaciuta Ilaria alla quale piace far ridere la gente* xD
      Nono fai bene e hai ragione: è una lettura per ragazzine molto giovani, ma aldilà di quello, poteva comunque risultare molto gradevole, invece è scritto male e la protagonista ti ispira solo omicidio! D: Peccato!
      Ciao Rosaaa!!!

      Elimina
  4. Ah ah XD mi hai fatto morire con questa recensione XD io ho apprezzato il libro un po' di più ma lo stile dell'autrice non mi è piaciuto nemmeno a me :P

    RispondiElimina
  5. Ahahah bella recensione! Io non credo che leggerò questo libro. Le paturnie mentali delle protagoniste infantili e capricciose proprio non le reggo!
    Comunque avevo letto i primi capitoli e hai ragione.. ma che c'ha di tanto speciale 'sta cosa di passare l'estate in una casa al mare?! Da come ne parlava Belly, sembrava che andasse a visitare chissà quale paese esotico! (:

    RispondiElimina
  6. Anch'io ho letto i libri, devo ammetterlo lo stile non è il massimo, ma come storia mi è piaciuta molto, semplice adatta come lettura sotto l'ombrellone. Non sarà il massimo passare l'estate alla casa al mare, ma non è il posto che conta, ma le persone con cui trascorri il tempo. E' un'autrice giovane, ma come inizio per me non è male, c'è di peggio, e tutto sommato è una storia che ti permette di sognare, penso che fare recensioni così dure non sia gentile, dire la verità si e soprattuto dire la propria è giusto, ma penso che i lati positivi si possono trovare in questa trilogia:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente trovo che questa mia recensione sia tutto tranne che "dura", mi sembra di essere stata abbastanza calma e tranquilla! :D Non mi sembra di aver detto che questo libro (o la serie) sia IL MALE, infatti l'ho consigliato a chi ha voglia di leggere un romanzo leggero d'amore e penso anche che vada bene per le ragazze tanto giovani, ma che letto con un minimo di obiettività, questa trilogia abbia ben poco da dare e men che meno da trasmettere. Almeno, io la penso così, ma ribadisco, non vieto a nessuno di leggerlo e anzi, l'ho anche consigliato a chi cerca in particolare qualcosa di carino e leggero. ;)

      Elimina