mercoledì 18 marzo 2015

Recensione "Tra la notte e il cuore" di Julie Kibler

Buongiorno, lettori! Oggi vi lascio alla recensione di Tra la notte e il cuore di Julie Kibler, bellissimo romanzo che vi consiglio caldamente se vi sentite di leggere di una straordinaria storia d'amore d'altri tempi e se volete commuovervi fin nel profondo! :)

Titolo: Tra la notte e il cuore
Autore: Julie Kibler
Traduttore: Alba Mantovani
Pagine: 362
Anno di pubblicazione: 2014
Editore: Garzanti
ISBN: 9788811687511
Prezzo di copertina: 9,90 €

Trama: È mattina presto, e Miss Isabelle si ferma per un attimo sulla soglia di casa ad ammirare la luce dell'alba che colora di rosa i tetti della cittadina di Arlington, Texas. Come ogni lunedì sta aspettando Dorrie, la sua giovane parrucchiera, che per lei è diventata come una figlia. Da dieci anni è la sua cliente speciale, da dieci anni la sua richiesta è sempre la stessa: domare la sua vaporosa chioma in ordinati riccioli argentati. Ma non questo lunedì. Oggi Miss Isabelle sa che la sua vita fatta di piccoli riti e abitudini sta per essere rivoluzionata. Il passato è tornato a tormentarle l'anima e niente potrà più essere come prima. Con tutta la forza d'animo che riesce a raccogliere dopo novant'anni di vita, Miss Isabelle presenta la sua richiesta d'aiuto a Dorrie. Ed è una richiesta sconvolgente. Un lunghissimo viaggio in macchina verso Cincinnati, e bisogna partire subito. Senza spiegazioni. 

Dorrie esita, ma le basta uno sguardo negli occhi della vecchietta per capire che non può rifiutare. Mentre l'orizzonte inghiotte l'asfalto e il rosso del tramonto si dissolve in un cielo buio senza stelle, Miss Isabelle stringe tra le mani un antico ditale d'argento e sente il proprio cuore riaccendersi, come una notte di settant'anni prima, nel 1939. La notte in cui, mentre l'odio e la violenza dilagavano come un'epidemia, due occhi gentili avevano illuminato l'oscurità come un fulmine.
 Voto:


Tra la notte e il cuore è lo splendido romanzo d'esordio di Julie Kibler. Racconta di come, nel 1939, la storia d'amore fra una ragazza bianca e un ragazzo nero era assolutamente e praticamente impossibile. 


La storia è ambientata ai giorni nostri e raccontata, a capitoli alterni, dalle due protagoniste: Dorrie, parrucchiera nera con due figli e Miss Isabelle, novantenne bianca che riceve la prima ogni lunedì a casa per farsi fare i capelli, da ben 10 anni. Le due hanno instaurato un rapporto di reciproca fiducia e affetto, tanto che, anche se se lo diranno soltanto alla fine, si sentono l'una per l'altra come una madre e una figlia.

Miss Isabelle chiede a Dorrie se può accompagnarla in un lungo viaggio in auto fino a Cincinnati, senza dare ulteriori motivazioni. Dorrie accetta: Miss Isabelle non ha nessuno a cui chiederlo e secondo perché essendo per lei un'amica e quasi una madre, non se lo farebbe ripetere due volte. Nel corso della vicenda, quindi, conosciamo le due donne, in particolare Miss Isabelle che in gran parte del viaggio in auto racconta a Dorrie la sua storia. 

Quello che Miss Isabelle racconta a Dollie è di come, 17enne, nel 1939 si innamorò del figlio della domestica di colore che lavorava nella sua casa: Robert. Fra i due nasce prima un'attrazione, poi vero e proprio amore. Nonostante le leggi razziali dell'epoca, l'impedimento della famiglia e la persecuzione e derisione da parte della gente di fronte a una coppia mista, i due decidono di sposarsi in segreto. Purtroppo quello che seguirà non sarà una felice e comune vita matrimoniale, ma solo dolore e strazio che li seguirà per tutta la vita.

La fine è quanto di più sorprendete e commovente io abbia letto ultimamente e potete crederci visto che sono dura a sciogliermi. Mi ha sconvolta e fatta emozionare, facendomi amare questo romanzo incondizionatamente.


Ho amato i personaggi. Certe volte Isabelle mi è sembrata un po' egoista: se non fosse stato per lei e per il fatto che abbia alimentato la sua relazione con Robert, molto probabilmente non sarebbe successo quello che poi è accaduto nel romanzo, ma posso tranquillamente capire che una ragazza di 16-17 anni ha tutto il diritto di voler vivere una storia d'amore, sia pur essa impossibile e anticonvenzionale. Robert: senz'altro un "brav'uomo" come dice Isabelle, un vero uomo direi io, se paragonato poi ai fratelli di lei, dei veri e propri animali.

Anche Nellie e Cora meritano una menzione: entrambe sono figure che non sono state potute approfondire troppo, specie la seconda, ma sono dei personaggi a cui non si può non volere bene. Tutto all'opposto, invece, per quanto riguarda i genitori di Isabelle (dei fratelli ho già accennato): la madre succube di quello che la gente può pensare, senza curarsi di quello che in realtà fa felice la figlia, accecata dai propri pregiudizi, mentre il padre, purtroppo  di indole debole, si lascia sopraffare dalla moglie e dai figli maschi, ma si riscatta alla fine.

Lo stile della Kibler tiene il lettore incollato alle pagine. Come dicevo anche alla mia socia, ho letto le prime 100 pagine senza neanche rendermene conto: era come se ne avessi lette solo 10! Una caratterizzazione fatta egregiamente e una bellissima penna, che merita di essere tenuta d'occhio. Senza alcun dubbio acquisterò i suoi prossimi romanzi a occhi chiusi.

I messaggi che l'autrice vuole trasmettere al lettore sono essenzialmente due ed entrambi positivi: 
  1. il primo è un chiaro NO al razzismo, in tutte le sue forme.
  2. il secondo è: c'è sempre una soluzione a tutto. Finché c'è la salute e finché si è in vita, si può sistemare tutto, anche se lì per lì sembra una tragedia. 

In conclusione posso dire che, se amate i romanzi con storie appassionanti che attraversano i decenni, legano più destini insieme e amate un tocco vintage, questo romanzo fa per voi. 
Personalmente l'ho amato di tutto cuore e da ora in poi rientrerà fra i miei romanzi preferiti, che consiglierò sempre.
Ci vedrei benissimo una trasposizione in film, verrebbe fuori una sorta di mix fra The Help e Le pagine della nostra vita e forse anche più bello! *_* Incrocio le dita!

Nota cover: quella della Garzanti è molto carina, ma quella originale (che ripropongo qui a lato) è veramente bellissima, oltre al fatto che riesce nell'intento di sintetizzare l'intera storia in un'unica immagine.

Curiosità: l'autrice è attiva su due blog! Il primo è questo, che condivide con altre cinque scrittrici e amiche, il secondo invece è un blog di autori appena pubblicati nel quale si aiutano a vicenda ed è questo, che però è stato chiuso nel gennaio 2014! D:

Penso di aver detto tutto, quindi ... leggetelo!!! ^^



8 commenti:

  1. Che bella recensione! lo piazzo subito nella mia lista di libri da leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nunzia! Grazie :) sisi, aggiungilo!!! ^^

      Elimina
  2. Complimenti per la recensione. Annoto, subito, il titolo del libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! ^^ Bravissima, annotalo! :)

      Elimina
  3. ricordo che quando era uscito e un pensierino ce l'avevo fatto, ma purtroppo i libri che sembrano interessanti si accavallano e po tanti li dimentico!!
    ma devo recuperare con questo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, Angela! Anch'io lo avevo da qualche tempo e sono proprio contenta di averlo letto, è davvero un bel libro! ;)

      Elimina
  4. Complimenti per la recensione! :) Anche se non è propriamente il mio genere mi hai fatto venire una grandissima voglia di correre a leggerlo! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sianna, grazie mille!!! :) Ahahahah brava, corri a leggerlo! Anche se non è il tuo genere penso che ti possa piacere comunque! ;)

      Elimina