lunedì 22 febbraio 2016

Recensione "Segreto di famiglia" di Mikaela Bley

Ed eccomi ancora qui, buon lunedì a tutti! Non so voi, ma per me questo mese di febbraio è davvero scarso di letture, finora ne conto solo 3 e la cosa brutta è che non ho molta voglia di leggere! T.T In compenso, dei 3 libri letti finora 2 si salvano, 1 assolutamente no. 
Tornando a noi, ecco l'ultimo libro che ho letto, anzi diciamo divorato perché una volta iniziato ho dovuto terminarlo nel più breve tempo possibile, tanto prende. Ringrazio la NC per avermene inviata una copia in anteprima, gentili come sempre! Per cui... ecco a voi come l'ho trovato! ^^

- In uscita il 25 febbraio -

Titolo: Segreto di famiglia
Serie: Ellen Tamm #1
Autore: Mikaela Bley 
Traduttore: Lisa Raspanti
Pagine: 334
Anno di pubblicazione: 2016
Editore: Newton Compton
Prezzo di copertina: 12,00 €

Trama: A Stoccolma è un freddo e piovoso venerdì di maggio, quando la piccola Lycke, di soli otto anni, scompare improvvisamente nel centro della città.
La rete televisiva nazionale si lancia subito sulla notizia e manda sul campo un’inviata specializzata in cronaca nera, Ellen Tamm. Chi ha visto Lycke per l’ultima volta? Chi sono i suoi genitori? Il padre e la madre di Lycke sono separati ed è stata la nuova moglie del padre ad accompagnare la bambina al centro sportivo, dove se ne sono perse le tracce. La donna, madre a sua volta da poco, racconta la sua versione dei fatti, ma ci sono delle zone d’ombra nella testimonianza. La tata che ha cresciuto la bambina è chiusa nel dolore. La madre di Lycke invece è imperscrutabile, soffre ancora il peso del divorzio e di una depressione post partum mai affrontata. Il padre, dal canto suo, non si dà pace. Nel frattempo Ellen si impegna in una ricerca spasmodica, nonostante la corruzione della polizia, i sempre più strani comportamenti dei genitori di Lycke e le frecciate velenose dei colleghi. Ma ha deciso di fare il possibile per fronteggiare la situazione da vera professionista, perché questo caso le ricorda da vicino ciò che conosce sin troppo bene: segreti di famiglia, bugie, inganni che la obbligheranno a confrontarsi con il proprio doloroso passato, mentre le speranze di ritrovare la bambina scomparsa si assottigliano…
Voto:


Nato dal successo del self-publishing, Segreto di famiglia, con il titolo originale di Lycke, è diventato in pochi mesi un successo internazionale e l'autrice svedese, Mikaela Bley, ha deciso di farne una serie, con protagonista Ellen Tamm, una giornalista di cronaca nera.

La Bley sa decisamente come tenere col fiato sospeso il lettore e come non farlo staccare dalla lettura, la sua scrittura si caratterizza per fluidità, susseguirsi di vicende e in breve, è impossibile staccarsi dalle pagine del suo libro: io l'ho letto in meno di 24 ore con il pensiero fisso di sapere come andasse a finire la storia e... no, non ho azzeccato il colpevole, anche se gli indizi c'erano e credo che una mente più allenata alla lettura di thriller ci sarebbe arrivata senza grosse difficoltà (almeno credo!). 
Il libro alterna capitoli con diversi punti di vista: c'è quello di Ellen Tamm, la protagonista e giornalista della storia e poi i personaggi coinvolti nel caso della scomparsa di questa bambina, Lycke, quindi la madre, il padre, la nuova moglie del padre e infine la tata. 
Ho trovato la caratterizzazione dei personaggi fatta abbastanza discretamente, anche se non particolarmente approfondita, ma il il libro è solo il primo di una serie, quindi penso proprio che l'autrice abbia ancora del tempo per farci conoscere meglio i personaggi secondari ma soprattutto raccontarci lo sviluppo della relazione (se ciò avverrà) fra Ellen e Jimmy.
Il libro tocca argomenti delicati e dal punto di vista psicologico/emotivo ha un buon tasso di coinvolgimento: come dicevo prima, il caso che viene trattato, è la scomparsa di Lycke, una bambina di 8 anni e ad investigare sul caso c'è, oltre alla polizia, la giornalista Ellen, che da piccola ha subito una tragedia simile.

Il risultato è una buona lettura, coinvolgente e trascinante, con buoni personaggi e intreccio della trama e il romanzo sarà disponibile da giovedì 25 febbraio.

Sicuramente va lodata l'autrice, perché pur essendo soltanto al suo primo romanzo, ci sono buoni presupposti affinché continui sempre di più a migliorare e mi farà piacere continuare a leggere le future avventure di questa nuova "eroina".

5 commenti:

  1. Bella recensione :D ultimamente i thriller della Newton Compton mi ispirano parecchio, anche questo non è da meno *-* aggiunto in wishlist!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Christy, grazie a te per essere passata e aver lasciato un commento! È sicuramente un buon thriller, quindi merita proprio di essere letto! ^^

      Elimina
  2. Mmmm anche io l'ho letto e recensito in anteprima e da amante di thriller devo dire che ho scoperto il colpevole praticamente da metà libro. Quello che però mi è mancato è il lato emotivo. L'ho letto velocemente ma la vicenda di Lycke credo sia stata messa troppo in secondo piano rispetto alla vita di Ellen che invece è stata secondo me con troppo sviscerata. Per me è un ni...

    RispondiElimina
  3. Sono contenta che ti sia piaciuto :) Il libro mi ispira abbastanza ed ora ho un motivo in più per volerlo leggere :)

    RispondiElimina