sabato 2 aprile 2016

Miglior libro del mese: marzo 2016

Buon sabato a tutti! Come state? Tutto bene? :D Beh non sto qui a perder tempo raccontandovi i drammi della mia vita, quindi iniziamo! ^^ Ecco il riassunto delle letture fatte nel mese di marzo. Devo dire di aver letto poco, ma bene, sono soddisfatta! :)

Miglior libro del mese:
La lettura migliore del mese è senza dubbio Tess dei D'Uberville, una storia che mi ha emozionata e coinvolta e che consiglio caldamente, in aggiunta alla miniserie che ne è stata tratta, bella quasi quanto il romanzo perché molto fedele a quest'ultimo.


Libri letti a marzo:
Fra gli altri libri del mese spiccano sicuramente Lettere a un amore perduto, bel romanzo che consiglio e Gli occhi neri di Susan, inquietante al punto giusto ma con una bella storia.

Per il prossimo mese ho in programma solo Omidicio sull'Orient Express, oppure no, devo ancora decidere. Voi invece avete letto qualcosa che vale la pena raccomandare? :)

3 commenti:

  1. Tess è un bel classico e lei un personaggio complesso, anche a me è piaciuto!
    E ho apprezzato anche Lettere a un amore perduto.

    sul blog c'è anche il mio bilancio di marzo :)

    http://chicchidipensieri.blogspot.it/2016/04/reading-challenge-2016-bilancio-di-marzo.html

    RispondiElimina
  2. Ciao! è la prima volta che mi capita di dare un'occhiata al tuo blog e devo farti i complimenti, perché il layout è molto bello e ci sono spunti interessanti!
    Tess è davvero un personaggio senza tempo! Ho adorato come Hardy abbia messo in risalto il fatto che lei sia "una donna pura" superiore agli uomini intorno a lei, così tristemente calcolatori...
    Non conosco gli altri libri, mi informerò!
    Concludo invitandoti a dare un'occhiata al mio blog lanostrapassionenonmuore.blogspot.it, a tema libri e cultura, se ti va!
    A presto e buone letture :-)

    RispondiElimina
  3. Tess continua ad ispirarmi poco, però il tuo parere positivo, al solito, mi ci sta facendo fare un pensierino :)

    Io questo mese ho finito tre libri, nessuno che mi sia piaciuto particolarmente. Ho finalmente finito Lui è tornato (tu alla fine l'hai finito o abbandonato? Non ricordo...), che ha tanti pregi ma non è stato esattamente scorrevole o coinvolgente; ho letto L'amore dura tre anni, libro breve breve ma eccessivamente ripiegato su se stesso e infine Teorema Catherine, da cui mi aspettavo la freschezza di Città di carta e che invece si è rivelato abbastanza lento, oltre che insignificante.
    Speriamo meglio per aprile! :D

    p.s. Se vuoi raccontarmi i drammi della tua vita sai dove trovarmi :*

    RispondiElimina