giovedì 15 gennaio 2015

Recensione "Gatti e cani: anche loro sono persone" di Sharon Gannon

Buongiorno, lettori! Oggi vi parlo di una lettura che mi ha sconvolta e che mi ha portata a riflettere su alcune questioni legate ai nostri amici a 4 zampe e ci tengo a ringraziare di cuore la Eifis Editore per avermi dato l'opportunità di leggere questo libro!

Titolo: Gatti e cani: anche loro sono persone - Scegliamo per loro un stile di vita più sano e compassionevole
Autore: Sharon Gannon
Traduttore: Marina Anselmi
Pagine: 108
Editore: Eifis 
Anno di pubblicazione: 2014
ISBN: 9788875170899
Prezzo di copertina: € 13,90


Trama: Amo i miei gatti. Sono anime amorevoli e arricchiscono la mia vita. Faccio del mio meglio per assicurare loro benessere fisico e mentale. La dieta è la cosa più importante. Sono passati anni da quando la sindrome della mucca pazza è stata collegata all'alimentazione cannibalista, dove le mucche venivano nutrite con cadaveri di altre mucche. Nonostante ciò gli animali trasformati dagli impianti di rendering vengono tutt'ora utilizzati nel pet-food e negli alimenti industriali per animali. Mucche, maiali, galline, cani e gatti si stanno innocentemente e inconsapevolmente mangiando tra di loro. Questo libro farà luce sull'industria del pet-food e vi offrirà alcune salutari alternative. Non riusciremo a risolvere l'intero problema ma potremo apportare un cambiamento laddove possiamo nella nostra vita e nella vita dei nostri amici a quattro zampe.


Questo libro, anche se sarebbe meglio definirlo manuale, è destinato a tutti gli amanti degli animali, in particolar modo alle persone che hanno un gatto e che vogliono farlo vivere nella maniera più corretta.

Sharon Gannon ci racconta quello che avviene veramente "dietro le quinte" delle industrie alimentari. È capitato a tutti di rimanere affascinati e un po’ perplessi davanti agli scaffali ricolmi di cibo di diversi gusti: quante volte, infatti, siamo stati indecisi se comprare un prodotto al posto di un altro? Ma quello che più conta: compriamo davvero ai nostri animali cibo con pollo, salmone o manzo e quanto indicato sulla confezione oppure, come dice l’autrice, non abbiamo nessuna idea di quello che ci sia dentro e che viene spacciato per cibo di prima scelta?

S. Gannon ci spinge a riflettere in modo più conscio e responsabile su come nutrire i nostri animali, il modo in cui li trattiamo e ci rapportiamo a loro, suggerendoci di scegliere uno stile di vita più sano e compassionevole.

L’autrice ci fornisce una lista di 9 mosse per rendere i nostri gatti e cani più felici:
  1. devono essere considerati membri della famiglia
  2. non sono animali inferiori con gusti ed esigenze di qualità più bassa di quella degli umani
  3. non alimentarli con ciò che non è stato approvato per il consumo umano
  4. non lasciare mai cibo da rosicchiare ininterrottamente tutto il giorno
  5. servite ogni pasto in una ciotola pulita che è stata lavata bene con acqua calda e sapone
  6. utilizzate vetro, porcellana o ciotole in acciaio inox: mai la plastica
  7. fornite sempre acqua pulita filtrata di rubinetto o di bottiglia in una ciotola pulita, tutti i giorni
  8. non date mai lo stesso cibo tutti i giorni
  9. alimentateli con cibi vari di origine sia vegetale che animale

Quello che si evince leggendo questo manuale è il forte amore che la Gannon ha principalmente per i gatti, tanto da definirsi una donna-gatto. Ci dà, infatti, consigli su cosa dar loro da mangiare (verdure, cereali e fagioli), dedicando addirittura alcune pagine a ricette specifiche.

Quello che, invece, mi ha un po’ lasciata perplessa è il fatto che l’autrice sia dovuta andare fino in India per capire il cuore grande che hanno anche i cani.

«Prima di andare in India avevo sviluppato molti pregiudizi sul comportamento dei cani. Ad esempio: “I cani non costruiscono nuclei familiari”; oppure “Il cane maschio non si assume la responsabilità per la cura di sua moglie o dei figli”; e ancora “Quando il gioco si fa duro per un cane “ciò che conta è salvare la propria pelle”; e infine “I cani non bevono il tè” [...]»

Anche io, come lei, preferisco i gatti, ma non per questo ho mai sviluppato questi strani e infondati “pregiudizi”: non penso, infatti, serva andare fino in Oriente per “scoprire” che i cani non abbandonano i propri cuccioli alla nascita e che, sì, li nutrono!

In sostanza però, quello che queste poche ma dure pagine da digerire, ci insegnano è che bisogna lottare contro ogni sorta di maltrattamento verso tutti gli animali: incatenarli, rinchiuderli e costringerli a vivere una vita che oltre a non aver meritato, li umilia, va contro il nostro definirci “umani”. Bisogna, anche nel nostro piccolo, impegnarci a cambiare le cose, rendendo la quotidianità dei nostri compagni di vita migliore.


NB: non ho dato un voto al libro perché lo reputo un manuale e mi sarebbe sembrato superfluo aggiungere una "votazione".


5 commenti:

  1. A mia madre piacciono molto i libri che trattano di animali, ne abbiamo praticamente una scorta! Sarà contenta di conoscere anche questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anch'io non conoscevo questo libro ma la cover mi ha conquistata e non potevo non leggerlo! ;)

      Elimina
  2. Penso di comperare e leggere questo libro. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non avrai bisogno di comprarlo Robby, perché ho intenzione di metterlo in palio al prossimo giveaway! ;) non dirlo a nessuno però... è un segreto!!! xD

      Elimina